lunedì 25 giugno 2018

Orina colada

Mio ritocco dell'immagine esatta della bottiglietta vuota a collo largo di tè al limone, comprata e bevuta apposta per poterci infilare il cazzo e pisciare appena arrivato nel seminterrato di casa mia, anziché pisciarmi addosso.

"Un altro post sulla piscia!?!?"

Già, perché, se questo fosse un blog sulla vita di uno che soffre di shock anafilattici o che è allergico al lattosio, si parlerebbe sempre di come i rischi di shock anafilattico o l'allergia lo costringano a non poter vivere a pieno - tipo, ti punge un insetto e iniziano a gonfiartisi le vie respiratorie e rischi di morire soffocato.

Con la differenza che nessuno direbbe "Hai mai provato a non pensarci? Magari funziona!" - sì, ultimamente episodi e rimuginazioni riguardano questo e NO, il "non pensarci non funziona". Non pensate a un elefante viola.

Ad ogni modo, oggi, mentre scendevo le scale verso il garage di casa mia per inforcare la bicicletta scrausa e andare a lezione dal fratello di discepola prediletta, sentivo che c'era qualcosa che non andava, qualcosa che non andava nei miei occhi[etichetta], una forte sensazione di stanchezza e nausea[etichetta], la voglia di morire[etichetta] che si faceva sempre più viva e mordace ad ogni gradino che scendevo - ero arrivato a dirmi che devo pianificare per bene le cose per il mio suicidio, perché quell'idea sta diventando un'impellenza e devo sistemare tutto quello che c'è da sistemare.

Stranamente, al ritorno in tarda mattinata da casa dei miei, appena arrivato in garage non mi sono pisciato addosso, forse anche perché avevo con me in borsa una bottiglietta vuota a collo largo di tè al limone, comprata e bevuta apposta.
Apposta per poterci infilare il cazzo e pisciare appena arrivato nel seminterrato. (Ora, ogni volta che berrete tè al limone da una bottiglietta vi verrà in mente che state bevendo la mia piscia stantia - provate a pensare che non è la mia piscia. :) )
Ma niente.

Niente, anche se sentivo che c'era qualcosa che non andava.

C'era qualcosa che non andava nel passaggio repentino dall'avere una fame nera al non voler mangiare più niente e, come al solito, sentire che il fisico reclamava un minimo di nutrimento.

C'era qualcosa che non andava nelle corse in bagno per sedermi a pisciare - se piscio in piedi, con lo stimolo incontrollato, rischio di innaffiare il water e tutt'intorno con della bella piscia color arancione.

C'era qualcosa che non andava, ovviamente, nei dolori al basso ventre e allo sbocco dell'uretra.

Ultima pisciata 10 minuti prima di partire.

La cosa paradossale è che, da un lato, dovrei tenere la vescica libera per evitare di pisciarmi addosso; dall'altro, più cerco di tenere la vescica libera, più devo pisciare, quindi più sforzo i muscoli attorno alla vescica, quindi rischio di trovarmi a pisciarmi addosso lo stesso.

Cose dette dagli specialisti nel BEL giro di visite fatte illo tempore, non fregnacce che mi sto inventando al momento.

Bene. Entro dalle scale nel seminterrato avendo già in mente che devo preparare la mia dipartita, sento tutto laggiù che fa male come previsto - prevedere non cambia niente - prendo la bici, la inforco e parto.

Parto e, per strada, mi continua a rimbalzare in giro per il cranio che questa non è vita, che non è la vita di un trentenne quella in cui devi pianificare a scacchiera pisciate e uscite, col rischio, comunque, di pisciarti addosso.
Forse a ottant'anni uno pensa di arrivare a una condizione del genere. No. Gran lusso.

Ripetizioni filate lisce: tutto sotto controllo. Mi dico che non ha senso chiedere di andare in bagno prima di andarmene.

Prendo l'ascensore per scendere in cortile di casa discepola prediletta, l'ascensore si apre e sento la piscia che inizia a uscire nel pannolone, sento che sta tracimando: devo uscire almeno all'aperto.

Esco all'aperto, fra un portico e il cortile e mi fermo, cercando di mantenere le gambe in modo tale che il fiotto di piscia non vada in giro per il pannolone, cercando di non fare uscire la piscia in un getto unico per evitare che esca.

Niente da fare.

Una bella sgocciolata sul granito, con il piscio che mi cola lungo la gamba sinistra e inzuppa i bermuda beige chiaro, ancora una volta. Bello visibile, ovviamente.

Sono arrivato a un punto tale che non me ne frega un cazzo, per cui sto lì, con i bermuda pisciati, mi fumo la mia bella sigaretta elettronica di fine lezione.

Tolgo il lucchetto dalla bici, mi sistemo i vari strati (patello, slip e bermuda) di modo che mi diano meno fastidio possibile nel pedalare - il fastidio a livello di percezione, comunque, resta e non è una cosa di cui ci si possa sbattere. Anche qui, non esiste "Prova a non pensarci."

Rinuncio all'idea di fermarmi a fare la spesa e al negozio della sigaretta elettronica ma non perché mi vergogni: perché provo imbarazzo per come gli altri potrebbero rapportarsi a me. No no, non io agli altri: gli altri a me.

È per questo che sono il G.G. Allin della Brianza in versione fighetta. Fossi "il G.G. Allin della Brianza" e basta, me ne sbatterei anche dell'imbarazzo degli altri.

Anzi, magari diventerei famoso e ci farei i soldi, un po' come Frank Matano e le scoregge contro la gente.

Ecco, cazzo: prossima volta ci provo.

"SOLDI FACILI SUBITO!!!"

Nessun commento:

Ricerca affannosamente nel blog mentre ti sale l'ansia

I miei tic verbali - Ricevi gli aggiornamenti via email

Le ossessioni più frequenti

metatestualismi enuresi psicofarmaci disoccupazione sintomi dissociativi inutilità psichiatra tanto carina sonno regressivo blog day hospital suicidio nausea amore insonnia mise en abyme schifo voglia di morire attesa della morte fare l'amore giramenti di testa massaggio patello sesso sigaretta elettronica psicologa MILF birra disturbo ossessivo-compulsivo merda piangere Brianza avvelenamento mentale casalinguo depressione hikikomori monza svenire terapia vescica neurologica ansia appetizioni compulsive dolori esaurimento lavoro lezioni musica paradosso ripetizioni spirale PUTTANATE astuzie della ragione ateismo bacio blogger coperta troppo corta delirio disorientamento fallimento febbre panico pizza rapporti sociali stack overflow Petrarca all-you-can-eat cinese autorità bergson cambiamenti di umore clinica psichiatrica doppio negativo facebook fissare nel vuoto g.g. allin le persone migliori litio nebbia negatività ovaie salcazzo scrittura seno serenotto sogno sorriso treni vita voglia di piangere vomito anatomia anatomia applicata annamaria franzoni backlink baretto bella ragazza brianzolaggine cadere cagare il cazzo cazzo dimagrire disturbi nella Forza emodialisi gavettone di piscio implosione incipitmorsnova invalido liceo lutto madre mi innamoro troppo facilmente morte nel cuore occasioni perse occhi occhi spenti orgasmo orizzonte degli eventi paura animalesca pensionati psicanalista pulizie recupero riso sensazione di febbre sensi di colpa sigarette sindrome dell'arto fantasma stare bene tempo-voglia testamento vecchietti vegetariano vivere in un incubo #creparegrazie Canova Final Destination Offspring Paolina Bonaparte addormentarsi per sempre alcol anima appendino attak attività fisica bellezza angelicata biotestamento bollette brutal truth buco nero bullismo cagarella cannibalismo cannone cantare cesso chimmesencula circuito elettrico cochi e renato colpa compressione correlativo oggettivo craving alimentare crolli culo dan lilker defunti depersonalizzazione derealizzazione discarica disconnessione dissimulare dolcezza donna con baffetti dormire durare elezioni emoscambio epitaffio fantozzi felicità fidanzato figa figabyte fregnacce geniale gola grattini harakiri il pranzo è servito ileopsoas impiccagione insalata kuolemanlaakso la discente cinquantenne lacrime agli occhi larva le casalingue mai abbastanza mamma anarchia mancanza mani menare le mani morire male mugolii nerd non aprite quella porta non c'è scelta obsolescenza programmata occhi chiusi odissea pannolino par condicio parcheggio pendolari percussioni piedi preservativi psicologia cognitivo-comportamentale ragazze resident evil ricordi sbiaditi s.o.d. sangue santi licheri sconosciute scrupoli seghe semiosi illimitata silenzio sistema nervoso siti di incontri slancio vitale società del controllo spam spiegazioni stormtroopers of death straight edge stupro subzero swinging from the noose tagliarsi le vene tenersi insieme the texas chainsaw massacre tirare a campare unes valpadana vecchiodimerda voce

Vuoi sconfortarti/mi? Ho sbagliato qualcosa? Aiuto!

Scrivimi via email cliccando qui! Aumenterai il numero delle variabili che devo tenere sotto controllo ma, magari, sarà un piacere!

Vuoi diventare mio/a mecenate?

Abbonati sul mio profilo Patreon cliccando qui! Le donazioni partono da 1 dollaro al mese