venerdì 27 luglio 2018

Vaffanculo alle donne, viva i videogiochi RPG!!!

L'unità arcangelo del videogioco "Heroes of might and magic III". Clicca sull'immagine per vederla in tutta la sua bellezza!

"Vaffanculo alle donne, viva i videogiochi RPG!!! E vaffanculo anche alla domenica sera!"

Questo è quello cui pensavo domenica sera, a letto nella mia vecchia camera a casa dei miei, preso dallo sconforto, sdraiato su un fianco e con la schiena che faceva un arco innaturale perché non avevo la testa appoggiata contro il cuscino ma contro il mobile a ponte.

Vabbeh, non so se ho reso l'idea.

Preso dallo sconforto, comunque, perché dedico troppe energie, troppe aspettative alle donne, quando solo poche mi si inculano. Vedi cosa succede ad essere una puttanella col cuore, col cuore che lancia in giro tipo manina appiccicosa delle patatine San Carlo?

Perché io il cuore ce lo metto davvero e, alla fine, mi ritrovo così: sconfortato, nel limbo delle non-risposte.

Se, poi, è anche domenica sera, è ancor più una merda.

Sì, perché, anche se il lunedì non lavoro, la domenica sera resta sempre uno dei momenti più critici, più di merda della settimana.
Un punto di svolta - di svolta in negativo.

Sarà che, poi, il giorno dopo torno a casa mia e rischio sempre di pisciarmi addosso in garage o sulla soglia di casa, ma è uno dei momenti più di merda della settimana.

Combinate il limbo della non-risposta con lo sconforto della domenica sera e avrete un bel buco nero - anzi, un bel buco "color maròn".

E, allora, ti lanci nel conforto forzato e ti viene in mente di poter dedicare del tempo a qualcosa di costruttivo e che puoi tenere sotto controllo, come i videogiochi di ruolo a turni, un po' tipo Heroes of might and magic III, al quale giocavi alla fine delle medie / inizio delle superiori.

E pensi che, al posto di pensare inutilmente alle morbide braccia di qualche amante che tanto non ti s'inculerà mai o a quelle delle amanti che ti vogliono ma che sono lontane e incasinate (ma che ami per questo), e pensi che puoi PERLOMENO iniziare a stare a letto la sera, prima di prendere sonno, a pensare a quanto bella sia l'unità arcangelo. [Cioè quella nell'immagine all'inizio di questo post.]

Quanto funziona?
Quanto ha funzionato?

Una sera a dir tanto, se non ricordo male.
Già la seconda sera, nella mia mente, l'unità arcangelo soccombe in una voragine nera come d'inchiostro, vittima di una pioggia di frecce.

Ottima tattica, sì, sì, ottima tattica.

Questa dev'essere la visualizzazione del fatto che non avrei neanche le forze per mettermi a giocare da zero a Heroes of might and magic III, del fatto che richiederebbe un'applicazione e una costanza che non riesco a permettermi.

E, poi, diciamocelo: già da martedì - se non ricordo male - mi sono dovuto arrendere al fatto che la bellezza femminile mi piace più dei videogiochi RPG a turni. E, addirittura, su questo punto il mio amore stranamente corrisposto (ciao, testa incasinata!) è d'accordo con me: ah, la bellezza femminile!

Alla fine, alla fine resto comunque solo sul mio letto, a fissare il soffitto, a qualsiasi ora del giorno o della notte in cui la mia testa non ce la faccia a rimanere vigile, e lascio andare i pensieri, pensieri molli, fluttuanti, che passano da un argomento all'altro senza una logica.

Alla fine, alla fine penso che era meglio quando, da adolescente, riuscivo ad addormentarmi pensando solo a una cosa: tette.

Immagine trovata sul profilo di un mio amico su Facebook. Lui l'aveva pubblicata ironicamente. Io non so. XD

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Mio figlio quasi undicenne è appassionato di questo gioco: https://wesnoth.org/
Lo conosci?
Secondo me, anziché giocarci, dovresti provare a diventare sviluppatore di videogiochi... Non sarebbe più stimolante?
(e già me lo immagino, un gioco dei tuoi: la mission sarebbe la conquista del maggior numero possibile di tette!)
Secondo mio figlio, del resto, "la mente è il risultato finale di un processo di elaborazione del cervello su qualcosa"... (fottuto positivista!)
E, quando aveva 6/7 anni o giù lì, un giorno a colazione saltò su a dir: "però non è giusto... quando ero piccolo il latte lo bevevo dalle tette, mica dalle tazze!!"
Ah ah vi somigliate proprio!!
a.a.s.s.

DICATVM MORITVRIS ha detto...

Ahahahahaha, grandissimo tuo figlio! Furbissimo e di una furbezza innocente. :)
Come dargli torto, fra l'altro!
E mi inchino alla sua definizione di mente! Gli stringerei la mano, guarda! Però cose così non vanno bene a quell'età! Poi rischia di diventare come me! Lascia correre sulle tette, PERCHé NON GLI FA CHE BENE! :D
Comunque, conquistare il maggior numero possibile di tette è il classico obiettivo da videogioco a piattaforme, tipo Super Mario con le monetine, Sonic con gli anelli e Crash Bandicoot con nonmiricordopiù cosa.
Per uno strategico a turni di ambientazione fantasy, l'obiettivo è indiscutibilmente quello di conquistare i diversi tipi di tette esistenti: piccole, grandi, medie, enormi, con la carnagione chiara, scura, olivastra, nera, con la carnagione cianotica nel caso della Gran Figa Non-morta...
E la quest finale è la conquista delle tette candide e all'insù della Figa delle Terre del Nord dai capelli rossi, dagli occhi verdi e malinconici e con le lentiggini.
Finalone: lei si innamora di me, incipit di bacio voluttuoso in dissolvenza su nero, da cui appare la parola "Fine" in caratteri gotici.

DICATVM MORITVRIS ha detto...

Comunque, mi sa che diventare sviluppatore di videogiochi è un bello sbattimento: occorre lavorare anche alla trama e si sa che nello scrivere ho il fiato corto...

Anonimo ha detto...

Sì, ho dei figli intelligenti e sensibili... Un'accopiata rischiosa, purtroppo...
Stavo leggendo un libro sulla mente e lui mi chiede: "mente in che senso... il cervello?" "No - gli dico - il cervello è un organo, lo puoi toccare..." "Ah, quindi è tipo la parte "astratta", il pensiero..." "Sì, più o meno... Tu come la definiresti?" E se ne è saltato fuori con quella definizione! Mia figlia, invece, di 9 anni, l'altro giorno mi chiede "tu credi nella creazione di Dio o nel big bang?" "Io credo che Dio abbia dato origine al big bang" le ho detto per punzecchiarla... "Ma è impossibile: Dio è religione, il big bang è scienza..." "E chi ha detto che Dio non può essere scientifico?!"... L'ho un po' spiazzata, però è sembrato che ci pensasse... Comunque spero che non diventino come me, questo è quanto. Ma glielo auguro proprio di cuore.

DICATVM MORITVRIS ha detto...

Un neocartesiano/neokantiano e una galileiana. Complimenti! :)
E sì, intelligenza e sensibilità, brutta bestia quando si uniscono e diventano una chimera - nel senso mitologico del termine.
Ti seguo. Ti seguo su tutto. Motivo esatto per cui non voglio avere figli e neanche essere ignobilmente Donatello di sperma.

Ricerca affannosamente nel blog mentre ti sale l'ansia

I miei tic verbali - Ricevi gli aggiornamenti via email

Le ossessioni più frequenti

metatestualismi enuresi psicofarmaci disoccupazione sintomi dissociativi inutilità psichiatra tanto carina sonno regressivo blog day hospital suicidio nausea amore insonnia mise en abyme schifo voglia di morire attesa della morte fare l'amore giramenti di testa massaggio patello sesso sigaretta elettronica psicologa MILF birra disturbo ossessivo-compulsivo merda piangere Brianza avvelenamento mentale casalinguo depressione hikikomori monza svenire terapia vescica neurologica ansia appetizioni compulsive dolori esaurimento lavoro lezioni musica paradosso ripetizioni spirale PUTTANATE astuzie della ragione ateismo bacio blogger coperta troppo corta delirio disorientamento fallimento febbre panico pizza rapporti sociali stack overflow Petrarca all-you-can-eat cinese autorità bergson cambiamenti di umore clinica psichiatrica doppio negativo facebook fissare nel vuoto g.g. allin le persone migliori litio nebbia negatività ovaie salcazzo scrittura seno serenotto sogno sorriso treni vita voglia di piangere vomito anatomia anatomia applicata annamaria franzoni backlink baretto bella ragazza brianzolaggine cadere cagare il cazzo cazzo dimagrire disturbi nella Forza emodialisi gavettone di piscio implosione incipitmorsnova invalido liceo lutto madre mi innamoro troppo facilmente morte nel cuore occasioni perse occhi occhi spenti orgasmo orizzonte degli eventi paura animalesca pensionati psicanalista pulizie recupero riso sensazione di febbre sensi di colpa sigarette sindrome dell'arto fantasma stare bene tempo-voglia testamento vecchietti vegetariano vivere in un incubo #creparegrazie Canova Final Destination Offspring Paolina Bonaparte addormentarsi per sempre alcol anima appendino attak attività fisica bellezza angelicata biotestamento bollette brutal truth buco nero bullismo cagarella cannibalismo cannone cantare cesso chimmesencula circuito elettrico cochi e renato colpa compressione correlativo oggettivo craving alimentare crolli culo dan lilker defunti depersonalizzazione derealizzazione discarica disconnessione dissimulare dolcezza donna con baffetti dormire durare elezioni emoscambio epitaffio fantozzi felicità fidanzato figa figabyte fregnacce geniale gola grattini harakiri il pranzo è servito ileopsoas impiccagione insalata kuolemanlaakso la discente cinquantenne lacrime agli occhi larva le casalingue mai abbastanza mamma anarchia mancanza mani menare le mani morire male mugolii nerd non aprite quella porta non c'è scelta obsolescenza programmata occhi chiusi odissea pannolino par condicio parcheggio pendolari percussioni piedi preservativi psicologia cognitivo-comportamentale ragazze resident evil ricordi sbiaditi s.o.d. sangue santi licheri sconosciute scrupoli seghe semiosi illimitata silenzio sistema nervoso siti di incontri slancio vitale società del controllo spam spiegazioni stormtroopers of death straight edge stupro subzero swinging from the noose tagliarsi le vene tenersi insieme the texas chainsaw massacre tirare a campare unes valpadana vecchiodimerda voce

Vuoi sconfortarti/mi? Ho sbagliato qualcosa? Aiuto!

Scrivimi via email cliccando qui! Aumenterai il numero delle variabili che devo tenere sotto controllo ma, magari, sarà un piacere!

Vuoi diventare mio/a mecenate?

Abbonati sul mio profilo Patreon cliccando qui! Le donazioni partono da 1 dollaro al mese